Bridge

 

Cartoline da Lisbona - 0

February 20, 2019

Si apriranno domani a Lisbona i Campionati Europei a Squadre Miste per rappresentative nazionali, i primi del loro genere. Nell'ambito della categoria, infatti, si disputano dal 2003 ma in forma "Open" (senza obbligo di co-nazionalità per i componenti), e ancora prima si giocavano nel Campionato Europeo interamente dedicato ai "misti" (in quel caso con giocatori dalla stessa provenienza). Fino al 2002, infatti, il calendario europeo vedeva alternarsi, ogni due anni, il campionato a coppie libere e signore (ancora niente Senior, all'epoca, se non in forma molto ridotta e solamente nelle ultime due edizioni del 1999 a Varsavia e 2001 a Sorrento), ed il campionato misto, sia a squadre che a coppie. Proprio nell'ultima edizione, a Ostenda nel 2002, la squadra Lavazza (Cuzzi, Duboin, Erhart, Ferraro, Lavazza, Versace) ci regalò l'ultimo alloro disponibile.

Ma questa volta è tutto diverso: ogni nazione può infatti inviare una sola rappresentativa, ovvero si gioca con lo stesso formato dei campionati a squadre Open, Ladies e Senior che hanno avuto luogo l'anno scorso a Ostenda. Il campionato si è reso necessario quale prova di qualificazione ai campionati del mondo di Wu Han (Cina), dopo che la WBF vi ha aggiunto, con una decisione presa a Lione nel 2017 (e comunque già nell'aria, dato che il misto c'era già a Wroclaw, in ambito "olimpiadi"), la categoria mista.

Non ho quindi una storia pregressa da raccontarvi, ma solo qualche considerazione sul formato - il classico girone all'italiana completo -, sulla composizione delle varie formazioni in lizza, e sulle loro chance di vittoria, qualificazione (passano le prime otto) e medaglie, con un particolare accento sulla squadra italiana.

Il campo di gara vede al via ben trenta compagini, un numero davvero di rilievo, se si considera che ladies e senior non lo avvicinano nemmeno, e che il business plan della EBL prevedeva un massimo di ventiquattro squadre (una scelta che si rifletterà purtroppo sulla sede di gara, un pochino angusta per i numeri attuali, sebbene ancora praticabile). Di queste, una diecina, circa, sono quelle che almeno sulla carta possono nutrire legittime aspirazioni di dedicarsi alla cucina cinese in settembre, e tra di esse mi sento di inserire anche la nostra.

Tra tutte, svetta la Francia, favorita d'obbligo dato che schiera giocatrici onuste di titoli mondiali, e giocatori di recente gloria, per giunta abituati a giocare il misto insieme. Dietro di loro metterei la Svezia, giovanissima e di grande carattere, ma forse penalizzata dal giocare in quattro. Nei pressi c'è la Russia, e tre donne formidabili ha l'Inghilterra (ma gli uomini sono quasi sconosciuti); ottima appare la Bulgaria (è per quattro sesti, inclusa una donna, la formazione Open), e molto forte anche la Germania (di norma, però, molto incostante). L'Austria ha quattro vecchie glorie di eccezionale spessore (e due giovani discreti), ed un cliente da podio è certamente la Polonia. Dopo, o forse a lato di questi c'è l'Italia, la quale ha delle buone probabilità di ben figurare se giocherà con compattezza ed armonia. Tra i possibili guastafeste, la Romania è la squadra che mi sento di accreditare di più, e non mi dispiacciono Grecia e Croazia, mentre dietro è più difficile leggere tra le formazioni. Indico la Danimarca, giusto perché ci sono i coniugi Shaltz, più volte inseriti nella squadra Open, ma non conosco gli altri quattro componenti.

Nei primi quattro incontri l'Italia incontrerà, nell'ordine, Finlandia, Belgio, Austria e Repubblica Ceca, vale a dire un inizio già abbastanza impegnativo, visto che la Finlandia è probabilmente scarsa, ma è ottima l'Austria, e che le altre due non sono squadre materasso (hanno almeno una buona coppia a testa).

Due incontri a turno verranno trasmessi su BBO (si comincia alle 10.00 locali, le 11.00 in Italia), e tra quelli del primo turno spicca Russia-Inghilterra, mentre molto interessante appare anche Grecia-Germania.

Buon divertimento
 

Gambarie - A Win 2018

August 8, 2018

The oldest teams tournament in the national calendar took place the last weekend in July 2018: the 38th Gambarie d'Aspromote Teams.

Gambarie is a lovely village perched at the top of a hill (Aspromonte means "sour mountain), reached by a narrow, winding road (it is a ski station in the winter). From Gambarie you can see Stretto di Messina, the  strait which separates mainland Italy from Sicily: it’s an amazing view, without a doubt one of the most beautiful I’ve seen in the world.

Getti...


Continue reading...
 

A typical Matchpoint Hand

July 11, 2018

The historic maritime city of Genoa, is located in the centre of Liguria, at the top of Italy’s iconic boot. This “Italian Riviera” region is famous for pesto and was the setting for this hand I played during a recent Pairs tournament.

Sitting North, I opened one club in fourth seat and replied two clubs over my partner's one diamond. After two passes West balanced with a double, and East had an easy two spade bid. When it came back to me, knowing full well that to let the opponents play...


Continue reading...
 

Cartolina dopo Ostenda XIV

June 18, 2018



Continue reading...
 

Cartoline da Ostenda 2018 -XIII

June 17, 2018

Riportati i risultati finali, applauditi i vincitori ed accennato a spunti di riflessione, specie per quanto attinente alle cose di casa nostra, è ora di amplificare quei pensieri, ed approfondire anche la visione d'insieme, guardando oltre i nostri confini.

Il va sans dire, cominciamo dalle signore, purtroppo autrici della prestazione tecnicamente meno pregevole delle tre formazioni nazionali.

Le stesse non hanno mai trovato il ritmo: sono partite male, e hanno continuato costantemente pe...


Continue reading...
 

Cartoline da Ostenda 2018 - XII - Breaking News

June 16, 2018

Finito. Tutti i verdetti sono stati emessi, e per noi non sono stati una gran che. Anzi, stiamo parlando di una delle peggiori spedizioni azzurre di sempre, con una sola qualificazione ai mondiali - l'Italia Open, alla Bermuda Bowl - e due pesantissime eliminazione subite sia dai Seniores vice campioni del mondo, sia dalle signore, pur uscite da una selezione a squadre (torneremo sull'argomento).

Per giunta, il dato riguardante l'Open è soddisfacente per modo di dire: la squadra si è qualifi...


Continue reading...
 

Cartoline da Ostenda 2018 - XI

June 16, 2018
Nel suo "Il Blue Team nella storia del bridge", Carlo Alberto Perroux tra le altre storie, racconta con la sua meravigliosa capacità di fare letteratura quella dell'incontro Italia-Francia nei Campionati Europei del 1959. Quel match fu uno dei più brillanti mai giocati dal Blue Team, che nei due tempi schierò Avarelli-Belladonna e Chiaradia-Forquet. Eccovi le parole con cui suggella la narrazione:

Nella vita di ogni uomo c'è un giorno (purtroppo, spesso solo un'ora) dove il suo angelo cust...
Continue reading...
 

Cartoline da Ostenda 2018 - X

June 15, 2018
Quando ero studente, in un'altra era geologica ormai, era luogo comune dire che non si doveva mai ascoltare Guccini andando ad un esame, perché il grande cantautore era considerato di cattivo auspicio, in quell'ambito. Non ho mai indagato il perché, ed ho ripetutamente violato il dettato,e così ho fatto ieri accostando una sua canzone alle imprese azzurre.

Beh, non andata direi troppo male: anche se certo non si possono scatenare le trombe della marcia trionfale dell'Aida, almeno si è regi...

Continue reading...
 

Cartoline da Ostenda 2018 - IX

June 14, 2018
"Un altro giorno è andato, e la sua musica è finita", canta Guccini nell'omonimo brano da "L'isola non trovata", e meno male, c'è da aggiungere questa volta, almeno con riferimento al bridge. In tre incontri, i Seniores hanno incassato 20.06 VP, 19.81 le signore e 30.78 la squadra Open, unica sopra media.

Non è ancora una marcia funebre, si badi bene, come vedremo più in dettaglio, ma se le chance di  qualificazione, e persino di medaglie dell'Open non sono certo del tutto compromesse, e ...

Continue reading...
 

Cartoline da Ostenda - VIII

June 13, 2018


Così tanti giorni sono passati, e ancora non vi ho raccontato niente della cittadina (non poi così piccola: oltre 70.000 abitanti) che ci ospita. Rimedio subito, cominciando da una bella foto.


Il luogo che ci ospita non è poi così antico, almeno per gli standard italiani, dato che risale alla fine del 1300, quando l'originale Ostenda (che altro non significa che "sponda Est") venne spostata dalla sua originale sede sul lato Est di un'isoletta qua vicino, spostamento che la trasformò da un...

Continue reading...
 

 

Sofia Bridge Festival 2019

13-19th May 2019

Become part of the new way we play. Prize money games for club and tournament players.